guardiavalle acri

Guardiavalle – Acri rinviata per aggressione

La partita di calcio Guardiavalle – Acri è stata sospesa, il motivo è un’aggressione ad uno dei calciatori della squadra cosentina che ha subito anche numerose minacce. Un episodio che non dovrebbe far parte di questo calcio, ma che è una realtà nelle divisioni dilettantistiche e non solo, anche semi professionali.

Guardiavalle – Acri: un aggressione e annullamento della partita

E’ accaduto qualche giorno fa, quando prima della partita i giocatori dell’Acri sono stati aggrediti ed hanno subito una serie di minacce che hanno poi portato ad annullare la partita. Uno dei calciatori acritani è stato minacciato addirittura con un coltello, il tutto al ristorante mentre la squadra stava pranzando prima della partita. Gli aggressori erano 5 e intimavano alla squadra di perdere la partita, altrimenti sarebbero stati guai.

La durata di questo caos e di questa vergogna è durata circa 40 minuti, successivamente i calciatori si sono recati al campo da calcio, ma un tesserato del club Fc Acri è stato aggredito da uno sconosciuto, proprio per questo motivo la società ha richiesto di rimandare la partita di calcio per questioni psicologiche e per atti violenti.

Una vergogna per l’intero sistema calcistico che ancora di più si vede che non è gestito perfettamente dagli enti responsabili, dove la corruzione regna sovrana in un ambiente che è a dir poco ostile. Gli aggressori sono stati denunciati ai carabinieri e probabilmente la partita tra Guardiavalle – Acri si giocherà a porte chiuse in campo neutro che verrà comunicato all’ultimo istante per poter evitare nuovi episodi simili che riempiono di vergogna il calcio italiano.

Staremo a vedere come si evolverà la faccenda, intanto la FC Calcio Acri ha espresso tutto il suo dispiacere per l’accaduto che speriamo non resterà impunito.

Start a Conversation

Your email address will not be published. Required fields are marked *